L’equazione impossibile del destino

equazioneUn giardino segreto inglese, circondato da un’alta cancellata, una chiave per entrarci che sembra non esistere, Hazel ragazzina “difficile” e tenacemente volitiva, un ragazzo isolato e strano con il nome giusto, Colin, un tutore perennemente assente. Di colpo, se avete avuto la fortuna di leggere da bambini “Il giardino segreto”, vi sentirete trasportati indietro nel tempo con l’esatta emozione provata allora nel leggere le incomparabili pagine di quella storia scritta da F. E. Barnett nel 1911. Invece non è così, è un’altra storia, che però riecheggia e rinnova quell’incomparabile fascino. Hazel, 13 anni, un passato di abbandono e di anonime case-famiglia, arrabbiata con la vita ma caparbiamente convinta a vincerne la sfida. Dai servizi sociali viene data in affido ad un architetto che lei nemmeno conosce e che comparirà solo alla risoluzione della storia e del mistero che l’avvolge. Colin, introverso, timido, non essendo capace di comprendere le emozioni le sostituisce con le leggi della matematica in cui cerca correlazione e spiegazione della sua vita. Da sempre tutore di una “svanita” madre-bambina , è una delle vittime preferite nell’ambiente ostile della scuola. Si muove con agio solo tra il laboratorio di fisica ed i libri della biblioteca. Sembra che niente possa accomunare i due ragazzi ed invece proprio dal loro incontro e dalla loro improbabile amicizia nascerà la complicità necessaria a svelare il mistero del giardino su cui affacciano le loro case e che sembra morto. Ma se il giardino è veramente distrutto, come mai Hazel, ne percepisce lo stormire delle foglie sui rami secchi, lo scrosciare dell’acqua in una fontana asciutta, il profumo di fiori che non esistono? E come mai tutti gli abitanti della piazza al cui centro sorge il giardino sono così evasivi e riluttanti a parlarne? Dall’unione tra la loro alleanza e le loro competenze, trarranno non solo la forza ed il coraggio per salvare il giardino, risolvendone il mistero, ma anche la via per rompere il guscio che li rinchiude perché, come dice l’autrice, “la vita, prima o poi, esplode”. Un viaggio tra passato e presente, attraverso cunicoli spazio-temporali suffragati dalla legge della relatività di Einstein e dai sogni che ognuno di noi ritiene irrinunciabili.

L’EQUAZIONE IMPOSSIBILE DEL DESTINO
di Elisa Puricelli Guerra
Einaudi Ragazzi
dai 10 anni

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...