La farfalla risorta, per fare Memoria insieme (29 gennaio, teatro Toselli)

La farfalla risortaSi avvicina il Giorno della Memoria e vogliamo segnalarvi la bellissima proposta del Comune di Cuneo.
Giovedì 29 gennaio alle ore 21 (ingresso libero) il Pavel Zalud Quartet porterà in scena al teatro Toselli LA FARFALLA RISORTA, un reading musicale con strumenti musicali del ghetto di Terezin.

Il progetto, che coinvolge tre musicisti eccezionali (Riccardo Battisti, Gabriele Coen ed Enrico Fink) è a cura di Matteo Corradini, scrittore ed ebraista, esperto di didattica della Memoria, che ha dedicato e continua a dedicare molta parte del suo prezioso lavoro a studiare e raccontare quel che accadde a Terezin. Il ghetto è al centro anche del suo bellissimo romanzo La repubblica delle farfalle, tra i nostri preferiti sul tema, ve lo consigliamo.

Qui sotto trovate tutti i dettagli dell’iniziativa che, dopo la serata del 29 gennaio aperta al pubblico, sarà replicata per le scuole medie e superiori la mattina seguente (30 gennaio).

Noi non ce la perdiamo di sicuro e vi suggeriamo di fare altrettanto perché sarà un momento unico per fare Memoria insieme.


Nella settimana del Giorno della Memoria, la Biblioteca civica e scrittorincittà giovedì 29 gennaio 2015 alle ore 21 presso il teatro Toselli propongono:

LA FARFALLA RISORTA
Un reading musicale, per metà incentrato sulle musiche klezmer / jazz ebraiche composte tra i primi del Novecento e gli anni della Shoah e per metà dedicato al racconto dell’esperienza unica del ghetto di Terezin, vicino a Praga. In scena il PZQ Pavel Zalud Quartet: tre musicisti (Gabriele Coen al clarinetto Zalud e sax, Enrico Fink al canto, flauto traverso e ottavino Zalud, Riccardo Battisti alla fisarmonica) e una voce recitante (Matteo Corradini).

Si alternano e concatenano fondendosi le narrazioni di Matteo Corradini (tratte dal suo libro La repubblica delle farfalle – Rizzoli) e le musiche eseguite dai musicisti, arrangiate appositamente per l’evento. L’intreccio tra parole e musica fa da filo conduttore. Si va dal racconto della vita quotidiana nel ghetto ad alcuni episodi particolarmente duri nella storia della Shoah. Attraverso alcune figure simboliche ci si interroga sul senso della verità, e su come la si possa cercare anche quando tutto intorno crolla. Anche quando la vita è in fortissimo pericolo.

Strumenti musicali originali del ghetto di Terezin
Nello spettacolo viene suonato un clarinetto di marca Zalud appartenuto a un clarinettista ebreo praghese, ucciso ad Auschwitz nel 1944. Costruito a Terezin, il clarinetto era stato suonato a Praga in libertà ma aveva poi accompagnato il suo proprietario nel destino degli ebrei sotto l’occupazione nazista. Lo spettacolo La farfalla risorta riporta a suonare il clarinetto dal vivo, per la prima volta dopo 70 anni di silenzio. Insieme al clarinetto Zalud, un altro strumento musicale originale dal ghetto di Terezin: un ottavino.

Per maggiori dettagli: www.matteocorradini.comguarda il trailer

INGRESSO LIBERO (fino al limite della capienza della sala: non è prevista prenotazione)

Per informazioni: info@scrittorincitta.it – 0171.444822

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...